Si chiude la XVIII edizione: GLI STUDENTI CALABRESI UNITI CON I LIBRI OLTRE LA PANDEMIA

SI CHIUDE GUTENBERG XVIII edizione: GLI STUDENTI CALABRESI UNITI CON I LIBRI OLTRE LA PANDEMIA

Tra storia, letteratura, divulgazione scientifica, spiritualità, ambiente e mito si è conclusa l’edizione in streaming di GutenbergXVIII: la Fiera del libro, della multimedialità e della musica che ha visto protagonista la rete delle scuole calabresi di ogni ordine e grado confrontarsi con scrittori, studiosi ed esperti di fama nazionale sul tema Homo Sapiens? Fragile Civiltà. Un fitto programma di circa 150 incontri con sessanta relatori di variegate discipline e la partecipazione di studenti e docenti di quasi 50 istituti di tutto il territorio, con scuola capofila il Liceo Classico “Galluppi” diretto da Elena De Filippis.
Nella giornata conclusiva il connubio tra i saperi proposto da Gutenberg ha visto protagonisti lo scrittore calabrese Mimmo Gangemi con Il Popolo di mezzo, una grande saga che, tra storia e romanzo, ha al centro il tema sempre attuale delle migrazioni; l’Arcivescovo di Catanzaro-Squillace, mons. Vincenzo Bertolone, ha riflettuto con gli studenti sul suo volume Briciole di speranza…per guardare oltre e superare tutti i dubbi e le paure scatenate dalla pandemia; il Gutenberg Ragazzi – coordinato dalla dirigente dell’IC Mater Domini di Catanzaro, Rosetta Falbo – ha visto come ospite la giornalista Letizia Gabaglio per un confronto vivace su epidemia, vaccini e novax, per capire e scegliere consapevolmente. E ancora, tra gli altri incontri nel fine settimana, quelli con Enzo Scandurra dell’Università La Sapienza di Roma sulla Biosfera e l’ambiente che abitiamo, i Racconti contagiosi di Siegmund Ginzberg, il nuovo umanesimo ispirato dalla tragedia greca nel racconto di Giuseppe Zanetto dell’Università di Milano.
“Abbiamo inteso sfidare la pandemia – ha commentato il presidente di Associazione Gutenberg, Armando Vitale – promuovendo la buona pratica di dialogo, a tutto campo, tra i giovani lettori e gli autori. Offriamo il cibo buono dei libri perché lo sguardo di ognuno di noi si posi sul mondo per coltivare pace, giustizia, bellezza. Homo sapiens ha ancora chance se sa dispiegare la sua cultura, saggezza e lungimiranza. Da questo punto occorre ripartire costruendo nuovi orizzonti legati alla capacità di governare il progresso per un nuovo senso di comunità”. Gutenberg è stato sostenuto da Regione Calabria, Fondazione Carical e Banca Centro Calabria, con il supporto di Comune e Provincia di Catanzaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici anche su

Facebook
Facebook
Twitter
YouTube
YouTube
Instagram
SOCIALICON